Il rivestimento in resina del bagno: caratteristiche e vantaggi

By 4 Dicembre 2019 Blog
rivestimento in resina bagno

Nel momento in cui si parla di rivestimenti in resina del bagno, il riferimento è all’applicazione, ovviamente in diverse fasi, di prodotti specifici che vengono realizzati proprio con la resina. Nella maggior parte dei casi, tale rivestimento presenterà uno spessore che si aggira intorno ai 2 millimetri. Questo rivestimento ha numerosi vantaggi: tra gli altri troviamo una notevole resistenza nei confronti delle abrasioni, ma anche rispetto agli urti. Inoltre, si caratterizza per essere impermeabile e, altro elemento non di poco conto, davvero molto semplice da pulire.

Quindi, è bene mettere in evidenza che, quando si parla di rivestimenti bagni in resina, non ci sia alcun riferimento a tutti quei trattamenti che vengono effettuati tramite rullo o pennello, che prevedono un lavoro simile ad una sorta di tinteggiatura classica.

Rivestimento delle pareti o anche dell’arredamento del bagno?

Quando l’intenzione è quella di rivoluzionare e ristrutturare il proprio bagno, esistono varie soluzioni alternative rispetto alla demolizione e alla posa di una nuova pavimentazione. Tra queste troviamo appunto il rivestimento in resina. È fondamentale che vengano scelti sempre dei prodotti funzionali ed efficaci, facendosi ovviamente consigliare da un’azienda specializzata nella posa e nel trattamento dei pavimenti in parquet. Spesso e volentieri, la resina rappresenta la soluzione perfettamente per donare un tocco innovativo all’intero ambiente del bagno. Ci sono sostanzialmente due possibilità: la prima è quella che prevede una copertura al 100%, che renderà invisibili anche le fughe. In alternativa, si può puntare su una microresina che coprirà solo parzialmente le piastrelle. In quest’ultimo caso, si continuano a vedere non solo le fughe, ma anche le geometrie delle varie piastrelle.

Il rivestimento dei pavimenti in resina

La resina si può sfruttare anche per il rivestimento dei pavimenti. La risposta è positiva e si può motivare con due considerazioni principali. Prima di tutto per via del fatto che il bagno non si può considerare un ambiente ad alta sollecitazione. Ecco spiegato il motivo per cui la resina si può sfruttare senza alcuna preoccupazione pure per i pavimenti. Un altro vantaggio molto importante di puntare sulla resina per il rivestimento del bagno è certamente quello di spendere molto di meno in confronto ad attuare la completa demolizione di tale ambiente. Un altro punto di forza molto evidente è quello di poter applicare il rivestimento piuttosto in fretta.

Anche la resina, come ogni altro materiale, ha i propri difetti. Quindi, ci sono degli elementi da considerare, perché non è detto che la resina sia la miglior soluzione per tutte le tipologie di bagno. Prima di tutto, la resina soffre l’umidità di risalita. Quindi, è sufficiente che si formi una leggera infiltrazione dietro allo spessore di resina per portarla a sbollare.

Alcuni consigli estetici

Per il rivestimento in resina del bagno c’è la possibilità di puntare sulle nuances e sulle texture di questo particolare materiale. In questo modo, si riuscirà ad attribuire all’ambiente l’impatto estetico tanto voluto. Tra i principali punti di forza della resina troviamo certamente anche quello di garantire delle superfici che sembrano continue, in cui non si nota più nessun tipo di fuga o di differenza.